Spazio dedicato ai prodotti associati, negli uffici CinItaly

da CinItaly's Team
Visite: 265

INFO CINITALY - CINITALY22   18 Settembre 2018

Il Team CinItaly di Jinan si arricchisce di un nuovo collaboratore Cheryls Wun, nome occidentale “Michele”, grazie al suo curriculum di studi ed esperienze precedenti, entra come assistente di direzione, garantendo con la sua buona padronanza della lingua inglese un valido aiuto nelle attività con l’Italia.

Nel frattempo l’ufficio CinItaly ha realizzato lo spazio CinItaly con una serie di Scaffali che ospitano i prodotti degli associati. 

I prodotti della linea “prevenzione”di EUCARE srl per la protezione e cura della epidermide. Si affiancheranno a breve i prodotti del nuovo associato “Sherman Tree” con una linea di cosmeceutici a base del principio estratto dal Poligornium Cuspidatum, la “polidatina”, un potente anti radicali liberi.

Spazio “Tesori del Matese” il tartufo bianco e nero sono il “leitmotiv” dei suoi prodotti di altissima qualità.

Per gli ospiti  in funzione la compatta macchina Caffè di Costa Blu, un brand che prende il nome dalla magnifica costa del Cilento (provincia di Salerno). La passione contraddistingue questa torrefazione, con una attenta scelta delle migliori qualità di caffè provenienti dai luoghi di produzione del Sudamerica e dell’Africa.

Nel far conoscere e degustare il caffè italiano non ci siamo certo dimenticati il metodo ancora più usato nelle famiglie italiane: la Moka.

L’olio EVO italiano è rappresentato da

- “Terra e Ulivi”, con diverse tipologie di olio della Daunia e Gargano: DOP; Biologico e Intenso (da olive 100% italiane)

- “Torre dela Cresciola”, una pregiata produzione di olio EVO di quantità ridotte, proveniente dal cuore dell’Italia: l’Umbria

Il vino di Roma, da sempre è stato quello dei “Castelli”, zona montuosa distante poche decine di chilometri dalla capitale. I paesi dei castelli erano la meta delle gite “fora porta” dei romani, Il vino dei castelli, rigorosamente bianco era quanto veniva offerto nelle “fraschette” (cantine dove si poteva mangiare e, ovviamente bere, accanto alle grandi botti di castagno dove si spillava il vino. La zona produce anche ottimi vini rossi (come il “Petit Verdot” che si avvantaggiano da un suolo vulcanico, ricco di oligo minerali.

 

 

 

Leave your comments

Comments

  • No comments found